A scuola di Media e Comunicazione con le Radio Universitarie Italiane

Si chiude oggi la Raduni Summer Media School 2017, scuola di media e comunicazione organizzata dall’associazione di operatori radiofonici universitari RadUni, ideata con lo scopo di approfondire gli aspetti più oscuri della comunicazione digitale.

Dal 28 Agosto al 1 Settembre, presso l’Università della Magna Grecia di Catanzaro, gli studenti che danno vita (e voce) alle radio universitarie italiane hanno approfondito alcuni degli aspetti più controversi del mondo dei social media e della comunicazione digitale per comprendere le pratiche della buona comunicazione e della corretta divulgazione, in un mondo sempre più connesso e governato dalle regole del mercato digitale.

Gli organizzatori mi hanno chiesto di raccontare, durante la serata di benvenuto, l’esperienza di Scientificast, primo podcast scientifico italiano.

 

Durante la prima giornata, invece, ho spiegato il lavoro del CICAP, tra metodi d’indagine su paranormale e pseudoscienze e il difficile approccio del debunking e della divulgazione in questo settore.

 

 

Il programma completo lo trovate qui.

Ringrazio ancora gli organizzatori per il duplice invito e per la calorosa accoglienza, e faccio i miei migliori auguri a tutti gli studenti simpaticissimi conosciuti. Continuate così ragazzi!

Annunci

Sulle slide che passano di moda

Nel lontano 2009 tenevo la mia prima conferenza CICAP, in un bar in provincia di Bari.

lunarcaffe

Adesso riguardo quelle slide esattamente come potrei guardare qualcosa di quando erano giovani i miei genitori, pensando che sia proprio roba di un’altra epoca: una versione di PowerPoint che risale a chissà quando, animazioni terrificanti, sfondo nero e scritte bianche che abbagliano anche l’ultima fila, colori a caso. Mi rimprovero da sola nel rivederle, anche severamente, poi penso che all’epoca il puntigliosissimo S., mia guida e punto di riferimento per gli affari cicappini, le aveva viste e approvate, quindi forse è proprio che in 7 anni c’è stata una evoluzione dell’estetica delle slide.

Chissà se tra altri 7 anni riguarderò le slide che sto preparando per la conferenza di domani e penserò la stessa cosa. Per ora mi preoccupa di più l’eventualità di fare battute che non fanno ridere nessuno.

Ah, se siete in centro domani, sabato 10 dicembre 2016, e non avete voglia di seguire il partner per negozi o vi siete stancati di camminare, passate alla Taverna del Maltese. Se vi sembra stia facendo una battuta… ridete, per carità! 😉

locandina_tarallucciscienza

Collage non superstiziosi

(foto di Elena Pingitore)

Grandissimo il successo della Giornata Anti-Superstizione di ieri!

Cos’è la Giornata Anti-Superstizione? Leggete il post precedente per scoprirlo o ascoltate la nostra Anna Rita Longo su RadioPnB.

L’album su facebook si è arricchito di ben 43 contributi che ci sono stati inviati durante il corso della giornata. C’è chi si è fotografato sotto la classica scala o con l’ombrello aperto al chiuso, chi ha versato sale e incrociato le posate a tavola, chi ha mostrato con orgoglio il proprio gatto nero. Non sono mancati neanche specchi rotti, calzini viola e cappelli sul letto.

Festa di Davide Di Mauro

Tra i più originali: un tatuaggio con un 17 e un cuore stilizzati, simbolo d’amore di una coppia di fidanzati che proprio ieri hanno festeggiato 2 anni e 7 mesi insieme; diversi “17” scritti sulla prima pagina delle dispense di Meccanica Analitica, fiduciosi che quel “17non sarà il numero di volte che si rifarà l’esame prima di essere promossi; un biglietto della lotteria n°17; la “testa-trofeo”[1] di un bel cagnolone nero (perché solo i gatti neri portano sfortuna e i cani neri no?) e due compleanni (di Davide e Giancarlo) gloriosamente festeggiati nonostante l’infame giorno.

Minerva fotografata da Aurora Ciccarese

Della serie “non si finisce mai di imparare”, ci è stata inviata anche una foto che ritrae una superstizione scozzese, che, personalmente, non conoscevo. Pare infatti che in SCOZIA sbadigliare a bocca aperta, senza coprirla, porti sfortuna perchè sarebbe un invito ai demoni ad entrarvi.

Ma il primo premio come meno superstizioso (o più furbo) dell’anno va, secondo me, alla sala giochi “JACKPOT Videolottery”, che è stato inaugurata a Bari proprio di venerdì 17, e nella pubblicità non si lasciava spazio a equivoci: “Inaugurazione VENERDI’ 17 GIUGNO”!! Una astuta mossa di marketing o disprezzo per le superstizioni??? Chissà quanta gente è andata a tentare la fortuna!

Sul sito del CICAP PUGLIA, a questa pagina, trovate i collage con tutte le foto di questa Giornata Anti-Superstizione e i nomi di tutti i partecipanti, che ringraziamo di cuore per aver condiviso con noi le loro foto.

La cosa che mi ha fatto più piacere è stato sapere che i partecipanti si erano divertiti nel cogliere la nostra sfida e avevano trovato molto carina la nostra iniziativa:

Dato che vicino alla mia città non c’è nessuna manifestazione per questa bella giornata, la vostra inziativa è stata una manna dal cielo. Spero che riuscirete a vedere le mie foto e che vi piacciano, io mi sono divertita molto a scattarle!

ci scrive Elena via email, e Nadiolina, su Facebook, commenta:

Mi sono divertita, in barba alla sfiga!

E anche noi ci siamo molto divertiti, in barba alla sfiga!!

[1] Nessun cane è stato maltrattato per realizzare la fotografia!

"Ma chi ha detto che solo i gatti neri portano sfortuna? Guardate che fine ho fatto io!". Foto di Giovanni Anselmi

Giornata Anti-superstizione 2011

Buon Venerdì 17 a tutti!

Pronti a incominciare una giornata all’insegna delle sfide?

Anche quest’anno, infatti, torna la Giornata Anti-superstizione del CICAP in varie città d’Italia.
La Giornata Anti-Superstizione parte dall’idea che essere superstiziosi… porta male! Ed è proprio per combattere la superstizione, che fin dal 2009 il CICAP propone, non a caso sempre in occasione di un venerdì 17, una “Giornata anti-superstizione”. In alcune città, tra cui Roma, Brescia, Pisa, Torino, Gorizia, Vicenza, i gruppi locali del Comitato organizzeranno eventi di vario tipo: incontri, conferenze, dibattiti ma anche dimostrazioni all’aperto, happy hour, grigliate e cene. Trovate qui ulteriori dettagli: http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274509.

In Puglia, dopo il successo della cena antisuperstizione dell’anno scorso (qui le foto e qui un resoconto), quest’anno abbiamo optato per un evento online, che permetta a tutta la Puglia (e non solo) di partecipare.

Abbiamo quindi deciso di invitare tutti i simpatizzanti a pubblicare sulla nostra pagina Facebook (http://www.facebook.com/cicap.puglia) o inviarci via email all’indirizzo puglia@cicap.org una foto o un video nel quale compiono un gesto vietato dalle più comuni superstizioni (aprire un ombrello in casa, passare sotto una scala, accarezzare un gatto nero, versare del sale, incrociare le posate a tavola etc) o a spiegare in poche righe quale superstizione hanno deciso di sfidare in occasione della Giornata Anti-Superstizione.


Un collage con le foto e le frasi più divertenti sarà poi pubblicato sul sito del CICAP Puglia.

Sperando che l’idea vi piaccia, aspettiamo i vostri contributi e vi invitiamo ad estendere l’invito a tutti i vostri amici!

Tutti omeopati? Ora non più

Vi ricordate quel corso on-line della Boiron col quale chiunque, anche il vostro criceto, poteva facilmente ottenere un bel certificato (che in realtà non valeva la carta su cui era stampato) col quale gabbare qualcuno e sostenere di essere omeopata? Ne avevo parlato qui.

In breve si erano “diplomati” omeopati Paolino Paperino, Luke Skywalker e persino Mao, uno scettico gattone nero cicappino:

Adesso, grazie ad una socia del CICAP, Rosa Contino, quel corso online è stato (momentaneamente o definitivamente) chiuso.

Rosa ha scritto alla Boiron chiedendo lumi su quel corso online e relativo diplomino. Alla Boiron si sono improvvisamente accorti della <<anomalia>> (sì, han detto proprio così!) e hanno preso <<i necessari provvedimenti>>.

Potete leggere qui lo scambio di email con la Boiron.

Adesso se provate a tornare sul sito del corso online appare la scritta: “Content of this web site is not available for your region” e non è più possibile accedervi in alcun modo.

Possiamo dunque tirare un sospiro di sollievo e ringraziare Rosa: sebbene infatti il certificato non avesse alcun valore giuridico, qualcuno, vedendolo incorniciato su una parete, avrebbe potuto scambiarlo per un vero attestato ed essere così indotto a riporre la propria fiducia nelle mani della persona sbagliata.

Niente paura, il vostro segno zodiacale è sempre lo stesso. Lo dice l’astrologo

E’ passata una settimana da quando il Corriere della Sera ha divulgato l’incredibile scoperta che esiste la precessione degli equinozi (ovvero che la Terra compie, tra gli altri, anche un movimento che fa cambiare in modo lento ma continuo l’orientamento del suo asse di rotazione rispetto alla sfera ideale delle stelle fisse) spacciandola per una scoperta dell’ultima ora della Minnesota Planetarium Society mentre essa risale ad Ipparco nel 130 a.C.. Ne avevo parlato qui su questo blog.

Ad ogni modo pare che la maggior parte della popolazione sia venuta a conoscenza dell’esistenza di questo fenomeno solo da pochi giorni, e si è subito scatenato il panico perché la gente si è accorta che per anni, ogni mattina, aveva letto l’oroscopo sbagliato e che, ad esempio, chi era Pesci (come me), adesso è dell’Acquario, mentre a quei poveretti del Sagittario tocca Ofiuco, la tredicesima costellazione.

Nei giorni scorsi si sono quindi scatenate le ricerche per scoprire quale fosse “il nuovo zodiaco”. Su Ofiuco tanta confusione: sempre dalle ricerche più frequenti sui motori di ricerca, scopro che secondo molti è stata scoperta una nuova Costellazione. Forse non hanno ben chiaro cosa sia una costellazione
Comunque, neanche il tempo di abituarsi al “nuovo” oroscopo, che l’astrologo Iacoboni già rassicurava tutti: “Non c’è nulla da correggere”.
Lo leggiamo in questa intervista: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Cambiano-i-segni-zodiacali-Lastrologo-Iacoboni-No-lasse-terrestre-non-centra_311546770714.html

Leggere l’intervista mi ha estremamente divertito e ho deciso di ripotarne alcuni pezzi corredati dai miei commenti, in corsivo tra parentesi quadre:

Uno studio della Minesota Planetarium Society, pubblicato oggi sul ‘Corriere della sera’ , afferma che lo zodiaco, per effetto dell’oscillazione dell’asse terrestre, si è spostato [in realtà la Minesota Planetarium Society non ha fatto nessuno studio in proposito! Vedi ad esempio qui]. Risultato: ciascuno apparterrebbe al segno precedente a quello di cui finora ha letto l’oroscopo. Non è però d’accordo Mauro Iacoboni, astrologo e chimico, [astrologo e.. CHIMICO??] che nel suo ‘palmares’ ha le previsioni astrologiche, durante la trasmissione “Retropalco” su RaiNews, della parziale bocciatura del legittimo impedimento da parte della Consulta, e della vittoria del sì a Mirafiori. E che contesta lo studio fin dalla premessa e assicura: ciascuno continua ad appartenere al suo segno. [Che fortuna! Sennò sai che confusione! :P]

”Nessuna rivoluzione -afferma- L’astrologia non è una scienza [Parole sante!], è un linguaggio antico, tramandato nei secoli, e si deve interpretare come un mandala, e ha un suo linguaggio poetico. La scienza nell’arco dei secoli si è evoluta, siamo passati dal sistema Tolemaico a quello Copernicano, ma non per questo la lettura di un oroscopo ha subito sostanziali cambiamenti [fuffa era e fuffa rimane!]. L’astrologia nasce da tempi antichi, in un tempo in cui la scienza non era così progredita. Il suo codice ha all’interno di sé dei fattori correttivi [sarebbero?] rispetto agli errori scientifici di cui siamo venuti a conoscenza negli ultimi anni [a che si riferisce?? La precessione degli equinozi non è un errore scientifico e non è stato scoperto negli ultimi anni…]. Il linguaggio astrologico è rivolto agli uomini a agli avvenimenti, che considera l’uomo al centro dell’universo [No, aspettate, chi è che considera l’uomo al centro dell’universo? Qui qualcosa non quadra dal punto di vista della sintassi!]. Non c’è nulla da correggere [a parte la frase precedente, ovviamente!]”.
Insomma, secondo Iacoboni, “le informazioni che possiamo trarre dalle stelle non hanno a che fare con i dati scientifici [vorrei ben dire!] o con le trasformazioni terrestri in atto. Mi chiedo: come si può immaginare di correggere una disciplina che non è una scienza con dei dati scientifici? Si può dire però che all’interno dell’astrologia si trovano delle verità e tante altre da cercare [ma davvero? tipo?]. Anche io vengo da una formazione scientifica, e mi stupisco [mi stupisco anche io del fatto che lui abbia una formazione scientifica quando leggo ciò che dice!] quando vedo seminare dubbi sull’astrologia – che ha dei fondamenti di calcolo sommati a principi filosofici e mitologici – da chi fa parte del mondo scientifico [ma non ha appena detto di farne parte? Non era stato presentato all’inizio dell’articolo come “chimico”??], invece che cercare di capire quali sono i codici da seguire per interpretarne il significato”.
Ma, allora cambia o non cambia il modo di leggere l’oroscopo? “E’ vero che ci sono state previsioni errate, ma anche vero che ci sono quelle giuste, di cui non si parla mai, o quantomeno vengono ritenute fortuite -risponde Iacoboni- Una vera analisi scientifica si dovrebbe fare applicando la statistica, cosa che appare raramente e mai sui quotidiani” [non esattamente. Di solito vengono pubblicizzati solo i successi e si dimenticano gli insuccessi. Vedi qui per la verifica delle previsioni del 2010].
Insomma, gli appassionati di astrologia possono continuare a leggere il loro oroscopo tradizionale? Certo, chi è dell’Ariete deve continuare a leggere l’oroscopo dell’Ariete… Se il Sole, dal punto di vista scientifico si trova nel segno dei Pesci, come ci ricordano gli astronomi, non vuol dire che non ci sia già una correzione intrinseca nel linguaggio dell’astrologia. Gli scettici poi saranno sempre scettici, lo sono già da centinaia di anni [per fortuna!]. Anche se va ricordato che la scienza non ha spiegato finora tutto, e anche tante ricerche in campo scientifico non hanno portato a nulla [che c’entra questo??? Tante ricerche hanno portato ottimi risultati, dall’invenzione di nuovi materiali, a internet, alle scoperte nel campo della medicina che consentono di curare malattie prima incurabili. L’astrologia invece quali risultati ha ottenuto??]. Basta solo riflettere che non è ancora stata trovata una formula matematica – degna di un’ipotesi e di una tesi – che spieghi ad esempio il sentimento dell’amore. Ma anche tanti aspetti della nostra quotidianità [Prego?? Una formula matematica che spieghi un sentimento??? Ma che idea di scienza si è fatto durante la sua “preparazione scientifica”????]”.

E poi arrivano loro con la scoperta dell’anno…

Gente, esiste la precessione degli equinozi!

A dircelo è un articolo del Corriere della Sera: http://www.corriere.it/cronache/11_gennaio_14/tortora-asse-terrestre-oroscopo

Ecco l’incipit dello sconvolgente articolo che rivela verità inaspettate e incredibili scoperte:

Quante volte leggendo l’oroscopo del giorno abbiamo notato che nulla di quello che ci era stato profetizzato si è poi verificato? Tuttavia gli errori di previsioni dovrebbe essere imputati non alla cialtroneria dell’indovino di turno, ma all’oscillazione dell’asse terrestre che nel corso degli ultimi millenni avrebbe fatto inevitabilmente cambiare i segni zodiacali. Lo afferma uno studio del Minnesota Planetarium Society, ripreso dal Minnesota Star Tribune, che dimostrerebbe come in realtà con il passare dei secoli vi è stato uno sbalzo di circa un mese nell’allineamento delle stelle. Ciò significa che ognuno di noi ha un segno zodiacale diverso da quello che gli è stato assegnato dalla tradizione.

Perciò, se non eravate soddisfatti del vostro oroscopo, state pure tranquilli: il problema era solo che guardavate il segno sbagliato.
Non vorrei sconvolgere ulteriormente i lettori del Corriere svelando loro l’esistenza della tredicesima costellazione dello zodiaco, Ofiuco, però almeno lasciatemi dire che non è vero che l’astrologia non funziona a causa della precessione degli equinozi e che tale fenomeno è noto da almeno 2000 anni, anche se a quanto pare qualche giornalista l’ha appena scoperto.
L’astrologia non funziona perché non funziona e tale affermazione si basa esclusivamente
sui risultati sperimentali ottenuti in condizioni accuratamente controllate. Ogni volta che le affermazioni degli astrologi sono messe alla prova secondo criteri rigorosi di scientificità, ad esempio con la tecnica del matching test (in cui si valuta la corrispondenza tra l’interpretazione del tema natale di un soggetto e la sua effettiva personalità), i risultati sono uguali a quelli che si otterrebbero facendo previsioni a caso. In mancanza di prove, perciò, attualmente l’opinione del CICAP è che le pratiche astrologiche non abbiano alcun reale potere di predizione di eventi, o di tratti del carattere di una persona.

Quindi non è vero che l’astrologia non funziona perché c’è Ofiuco (vedi qui) e non è vero che non funziona a causa della precessione degli equinozi (vedi qui). Si può invece affermare che non funziona perché è possibile verificare sperimentalmente alcune affermazioni astrologiche (vedi qui) e tali verifiche sono state fatte e hanno dato esito negativo (vedi qui).

Se avete dubbi potete consultare lo SPECIALE ASTROLOGIA sul sito del CICAP.

Infine se volete leggere quante sciocchezze hanno detto gli astrologi all’inizio del 2010 che non si sono avverate, come ogni anno, il CICAP ha raccolto e verificato le previsioni relative all’anno appena trascorso, fatte dai più noti astrologi e veggenti italiani su giornali, siti web e trasmissioni televisive e radiofoniche e le trovate qui. Perché, come scrive Massimo Polidoro:

«Alla fine dell’anno e nelle prime settimane di quello nuovo non c’è trasmissione o giornale che non riporti le previsioni degli astrologi per l’anno che verrà. Tuttavia, se non lo facessimo noi, nessuno andrebbe veramente a vedere quante di queste si avverano. E ogni anno il risultato è lo stesso: gli astrologi e i veggenti non sanno prevedere il futuro più di una qualunque persona intelligente che legga il giornale»

Me lo diceva oggi l’oroscopo che avrei scoperto qualcosa di nuovo e interessante! 😉

Aggiornamento del 15/01/2011:

E mentre le statistiche interne a questo blog mi rivelano che oggi la gente, sui motori di ricerca, inserisce parole chiave del tipo:
“OFIUCO NUOVO SEGNO ZODIACALE RICONOSCIUTO” oppure “NUOVA SCOPERTA CAMBIA L OROSCOPO”, e ancora: “OROSCOPO, SCOPERTE NUOVE VERITA'”, alcuni siti già pubblicano le tabelle con “IL NUOVO OROSCOPO SECONDO IL MINNESOTA PLANETARIUM SOCIETY”: su Virgilio.Notizie leggiamo:

Ricerche scientifiche al limite dell’assurdo

L’oroscopo non e’ più lo stesso

L’oroscopo come lo conosciamo noi non esiste. O meglio non è più attendibile. Secondo una ricerca del Minnesota Planetarium l’attrazione gravitazionale della Luna avrebbe fatto oscillare la Terra intorno al suo asse tanto da provocare uno spostamento della posizione della Terra rispetto alle varie costellazioni. Per questo bisognerebbe reinterpretare lo zodiaco e aggiornarlo come nella tabella accanto:

(Link: http://notizie.virgilio.it/gallery/ricerche-scientifiche-al-limite-assurdo.html)

 

Insomma, E’ la RIVOLUZIONE!!

 

Aggiornamento del 17/01/2011:

TOP FIVE delle migliori frasi inserite nei motori di ricerca in questi due giorni

(nota: sono escluse dalla top-five le frasi citate nel precedente aggiornamento)

  • i nuovi segni zodiacali con il cambio dell’asse terrestre 2011
  • oroscopo del nuovo asse terrestre
  • notiziario scoperti nuovi segni zodiacali
  • effettivo cambio segni zodiacali
  • asse terrestre inclinato 2011 segni zodiacali

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: