Consigli per la notte dei ricercatori 2017

La settimana della scienza all’insegna del “Made in Science” è già iniziata in 23 città italiane, con più di 300 eventi, ma domani, 29 settembre ci sarà l’evento più atteso dell’anno: la Notte Europea dei Ricercatori 2017.

Da 12 anni, la Notte dei Ricercatori si conferma come il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica, grazie ai finanziamenti e al supporto della Comunità Europea. Si tratta di un evento di ampia portata, che coinvolge oltre 300 città europee, e in Italia è coordinata da Frascati Scienza.

Gli eventi sono tantissimi e potete trovarli qui: https://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017/programma/

Come sempre ve ne segnalo alcuni tra quelli nelle città che mi sono più vicine:

A Napoli potrete trovare i ricercatori della Sezione INFN di Napoli, del Dipartimento di Fisica E. Pancini dell’Università Federico II e dell’istituto SPIN del CNR presso la stazione della metropolitana “Municipio” dalle 16:00 alle 22:30.

Inoltre, anche l’Associazione PONYS (Physics and Optics Naples Young Students) sarà presente, nello stesso luogo, con una serie di esperimenti di fisica “da tavolo” che, potete giurarci, vi stupiranno! Sono tantissimi, infatti, gli esperimenti che lasceranno grandi e piccoli a bocca aperta, stimolandone la curiosità.

A Bari gli eventi si tengono nel suggestivo Fortino di Sant’Antonio Abate, presso il Lungomare Imperatore Augusto, e presso lo Spazio Murat, in piazza del Ferrarese, dalle 11:00 a mezzanotte. Anche in questo caso le attività sono rivolte a tutte le età e comprendono esperimenti interattivi che mostreranno l’applicazione delle noiose formule studiate sui libri nella vita quotidiana. Inoltre, si terranno numerosi interventi divulgativi su alcuni aspetti della ricerca scientifica più all’avanguardia.

L’evento organizzato in collaborazione con il Dipartimento Interateneo di Fisica, il Dipartimento di Matematica ed il Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, il Piano Nazionale delle Lauree Scientifiche (Fisica, Scienze dei Materiali e Matematica) e l’Istituto Nazionale di Alta Matematica “F. Severi”.

Si avvale inoltre della preziosa collaborazione dell’associazione no profit “Alumni Mathematica” che si occupa di divulgazione scientifica. L’evento ha inoltre il patrocinio dell’ARTI Puglia e del Comune di Bari.

A Frascati non perdetevi il “Luna Park della Scienza”, dalle 17:00 alle 24:00, dove, in varie piazze della città, la scienza passa attraverso il gioco e il divertimento! Scienziati, giocolieri, acrobati e trampolieri tutti insieme per spiegare, per esempio, la fissione nucleare giocando a bowling, o la chimica e la matematica con le bolle di sapone, fino ad arrivare agli equilibri ambientali col gioco EcoStrike.

Innumerevoli anche gli eventi lungo le Mura del Vadalier, come per esempio “Pianeti in una stanza”, “Micro nel Macro”, “Detectives! Indagini sulla biodiversità”, “Inside the net” e tanti tanti altri! Li trovate tutti sul programma ufficiale sopra linkato.

Mi raccomando, non mancate: la scienza vi aspetta!

 

Per maggiori informazioni:
http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017
http://www.frascatiscienza.it

Annunci

Notte Europea dei Ricercatori 2017

In televisione innumerevoli film ci danno degli spaccati (più o meno realistici) della vita di molti professionisti. È anche piuttosto semplice che, prima o poi, ciascuno di noi venga in contatto con un avvocato o un medico o un architetto e possa così capire in prima persona cosa fa costui e, magari, fargli qualche domanda su come si svolge il suo lavoro. Ma gli scienziati? Ce ne sono di tantissimi tipi: la vita di un chimico sarà molto diversa da quella di un matematico, ma anche quella di un fisico nucleare da quella di un fisico che si occupa di struttura della materia o ancora di più da quella di un fisico teorico.

Come si fa a conoscere uno scienziato? E capire cosa fa tutto il giorno? E conoscere le ricerche che, quotidianamente, le menti più brillanti della nostra penisola portano avanti, spesso rinunciando a ben più alti stipendi all’estero pur di rimanere in patria?

La scienza – e chi la fa – si presenta a tutti coloro che vogliono incontrarla dal 23 al 30 settembre, con una settimana di appuntamenti all’insegna del “Made in Science”, che culminerà con la Notte Europea dei Ricercatori 2017.

Giunta al suo dodicesimo anno, grazie ai finanziamenti e al supporto della Comunità Europea, anche quest’anno la Settimana della Scienza sarà coordinata da Frascati Scienza: lungo tutto lo stivale si susseguiranno eventi e aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani.

Potrete trovare iniziative in moltissime città: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.

Tra i principali partner di Frascati Scienza vi sono enti di ricerca nazionali quali ASI, CNR, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche, le migliori università della Penisola (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università della Tuscia) e ancora Astronomitaly, Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, Osservatorio astronomico di Gorga (RM), Fondazione GAL Hassin di Isnello (PA), Sotacarbo.

 

Per maggiori informazioni:

http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2017

http://www.frascatiscienza.it

 

Pronti per la Notte dei Ricercatori!

NottEuropea16web-2In 23 città italiane è già iniziata la settimana di appuntamenti con la scienza all’insegna del “Made in Science”. Il 30 settembre ci sarà l’evento clue: la Notte Europea dei Ricercatori 2016. Non volete mica perdervi questo importantissimo appuntamento, vero?

La Notte dei Ricercatori, manifestazione nata 11 anni fa e coordinata da Frascati Scienza, è il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica grazie ai finanziamenti e al supporto della Comunità Europea, un evento di ampia portata che coinvolge oltre 300 città europee.

Gli eventi sono tantissimi e potete trovarli qui: http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2016/programma/

Intanto ve ne segnalo alcuni tra quelli nelle città che mi sono più vicine:

A Bari, mia città natale, gli eventi si tengono nel suggestivo Fortino di Sant’Antonio Abate, presso il Lungomare Imperatore Augusto, organizzati dalla mia “famiglia universitaria”.

I ricercatori dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare) e del Dipartimento di Fisica dell’Università di Bari vi racconteranno fisica e ricerca accompagnati dalla proiezione di immagini e filmati. Gli studenti e i docenti del Corso di Laurea in Fisica dell’Università di Bari suoneranno musica classica e moderna per immergere ancora meglio il pubblico nei diversi racconti. Li conosco, vi assicuro che sono bravissimi!

Non perdetevi dunque i tre eventi:

Gli strumenti del fisico: dalle ore 16:00 alle ore 23:30, prenotazioni qui

Misurare la natura: dalle ore 16:00 alle ore 23:30, prenotazioni qui

Raccontare la fisica sotto le stelle: dalle ore 19:00 alle ore 23:30, prenotazioni qui

A Napoli ci sarò anche io, presso la stazione metropolitana “Toledo”, dove, se vi è mai capitato di prendere la metro da lì, avrete forse visto che c’è un telescopio sotterraneo per la rivelazione dei raggi cosmici. A partire da questo rivelatore si articolerà un percorso espositivo-divulgativo dell’attività di ricerca della sezione INFN di Napoli e dei gruppi associati del Dipartimento di Fisica dell’Università di Napoli “Federico II”. Parleremo dell’esplorazione del Cosmo e vi mostreremo un mini-interferometro come quello dell’esperimento VIRGO che, in collaborazione con l’americano LIGO, ha portato alla recente scoperta delle onde gravitazionali.

Per i più coraggiosi sarà possibile cimentarsi con l’analisi dei dati raccolti all’LHC Computing grazie a una moderna workstation di analisi dati e la guida degli esperti.

Infine, se preferite il mare, vi porteremo virtualmente negli abissi mostrandovi alcuni moduli dell’esperimento KM3NeT, un rivelatore sottomarino di neutrini ancora in costruzione.

Ma non è tutto!

L’Associazione PONYS sarà presente anche fuori dalla metro e vicino alle mura aragonesi con una serie di esperimenti di fisica “da tavolo” che vi stupiranno! Tantissime le piccole iniziative che abbiamo in serbo per grandi e piccoli, per catturare la vostra attenzione, stimolare la vostra curiosità e premiare coloro che avranno voglia di mettersi in gioco con noi!

Se Napoli è un po’ lontana perché abitate in provincia, vi segnalo che a Caserta ci sarà Spettri a Corte presso il Palazzo Reale di Caserta (Corso Trieste 2 – Caserta) dalle ore 19:00 a mezzanotte. Potete prenotarvi qui: http://www.matfis.unina2.it/ricerca/nottericercatori. Andandoci scoprirete la spettroscopia come strumento di conoscenza del mondo fisico, applicata all’ambiente, ai beni culturali, allo spazio e alla società.

Per maggiori informazioni: http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2016   http://www.frascatiscienza.it

vignetta-staino-kmed-u10303091317262jrf-640x320lastampa-it

(La cruda verità…)

Notte Europea dei Ricercatori 2016

Spesso pensiamo alla nostra Italia come un paese che va a rotoli, patria della pizza, sì, ma anche della corruzione, famosa all’estero per i suoi monumenti, “roba vecchia” che conosciamo in minima parte, e per il Made in Italy. Insomma, una bella serie di luoghi comuni e stereotipi, gli stessi che, quando li sentiamo da qualche straniero ci fanno un po’ arrabbiare.

Ma il nostro Paese non vive delle sole bellezze del passato: è anche proiettato nel futuro, all’avanguardia nella ricerca scientifica e tecnologica, nonostante gli scarsi finanziamenti pubblici e privati.

Dal 24 al 30 settembre si darà il via a una settimana di appuntamenti con la scienza all’insegna del “Made in Science”, che culminerà con la Notte Europea dei Ricercatori 2016.NottEuropea16web-2 Un brillante modo di far assaggiare a tutti la bellezza della scienza, la passione per la ricerca, le tecnologie e le innovazioni che da questa derivano.

In primo piano ci sarà il “processo di produzione della scienza”, uno degli aspetti più interessanti, a mio avviso, da mostrare a chi non si occupa di ricerca in prima persona, in modo da sfatare il mito che gli scienziati siano solo discendenti di Einstein, rinchiusi in laboratori coi loro camici bianchi e qualche provetta in mano.

Questa manifestazione nasce 11 anni fa, grazie ai finanziamenti e al supporto della Comunità Europea, e anche quest’anno sarà Frascati Scienza a coordinare la rete di ricercatori, università e istituti di ricerca lungo tutto lo stivale e a promuovere il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica, un evento di ampia portata che coinvolge oltre 300 città europee.

In Italia il progetto vede impegnate 23 città – il doppio rispetto all’anno precedente, segno della crescita di questa bellissima manifestazione! – con oltre 200 eventi tra spettacoli, workshop e laboratori che coinvolgeranno il pubblico in prima persona.

Potrete trovare iniziative in moltissime città: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Catania, Ferrara, Firenze, Frascati, Genova, Gorga, Grottaferrata, Lecce, Milano, Modena, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Reggio Emilia, Roma, Sassari e Trieste.

Tra i principali partner di Frascati Scienza vi sono enti di ricerca nazionali  quali ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche, le migliori università della Penisola (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) e la Regione Lazio.

Per maggiori informazioni:
http://www.frascatiscienza.it/pagine/notte-europea-dei-ricercatori-2016
http://www.frascatiscienza.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: