Parco Avventura Scientifico a Scampia

Stamattina, insieme a quella potentissima squadra dei ragazzi dei PONYS (Physics & Optics Naples Young Students), sono andata nel parco di Scampia con l’intento di trasformarlo, per mezza giornata, in un “Parco avventura scientifico”. L’idea era di proporre ai bambini – ma non solo – tre percorsi tematici: Onde, Energia ed Elementi, ognuno fatto da tre tappe in cui venivano spiegati dei concetti di fisica, con l’aiuto di esperimenti costruiti con materiali semplici. Prima di iniziare un percorso venivano consegnati, oltre alla mappa del parco con le varie tappe, un quiz con tre domande e un “Passaporto scientifico”, su cui collezionare timbri per ogni tappa  completata. A questo si aggiungeva una postazione di Fisica dello Sport e una dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare). L’iniziativa fa parte del progetto “Rete dei Parchi”, organizzato dall’assessorato all’ambiente del Comune di Napoli per la riqualificazione dei parchi e dei quartieri disagiati di Napoli e rientra nella manifestazione internazionale “March for Science”, che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e politica sui temi della ricerca scientifica.

Il progetto mi era piaciuto fin da subito, ma è inutile nascondere che sono partita con innumerevoli pregiudizi. Ho svuotato la borsa, evitato di portare il portafoglio e quasi fatto testamento. Ero pronta agli attacchi da parte degli “scugnizzi” e pensavo che ai bambini non sarebbe importato molto delle nostre spiegazioni, avrebbero distrutto il possibile e rubato il resto. Alcuni episodi del genere, infatti, si erano già verificati a Piazza del Plebiscito in occasione di Futuro Remoto, una manifestazione ben più controllata. Per la prima volta, inoltre, ero stata assegnata a “Fisica dello Sport”, dove ero sicura che i palloni usati per gli esperimenti avrebbero attirato i più… “irrequieti”.

Appena si entra a Scampia il degrado colpisce come uno schiaffo improvviso. Si passa da una città “normale” a un’altra dimensione, difficile da descrivere a parole. Non ci ero mai stata e non avendo nemmeno mai visto le serie tv o i film girati qui non avevo bene idea di cosa aspettarmi. Passando vicino alle Vele lo sconforto è tanto. C’è il Sole, ma in mezzo a quei palazzi regna l’oscurità. Nella penombra, tra i panni stesi, si distinguono una miriade di scale incrociate che vanno da un palazzo all’altro intrecciandosi e dando l’immagine tangibile di una società intricata e losca. Su Wikipedia ho letto che furono realizzate nell’ottica di un «progetto abitativo di larghe vedute» dall’architetto Franz Di Salvo, del quale sono l’opera che meglio rappresenta la «poetica architettonica dell’architetto». Poetica architettonica… Poetica… Poetica?

Passo oltre nel racconto, ma la vista di quei palazzi è qualcosa che continua a riapparirmi negli occhi, lasciando dentro di me un misto di angoscia e voglia di tornarci, capire, vedere da vicino.

Il parco è a due passi dalle Vele. È grande, molto grande, e tenuto benissimo. Ci sono prati verdi, giochi per i bambini, glicini. Un’oasi di pace che col Sole appare ancora più bella.

Ci sparpagliamo alle varie postazioni e man mano iniziano ad arrivare i bambini. Talvolta una marea di bambini tutti insieme. Sorridiamo spaventati nel vedere il primo gruppo marciare verso di noi. E poi l’incontro. Il terribile incontro con dei bambini meravigliosi, pieni di curiosità ed entusiasmo. Una miriade di caratteri diversi che vengono fuori come fuochi d’artificio, più spontaneamente – o almeno questa è stata la mia impressione – che altrove, forse perché la maggior parte erano lì da soli, senza genitori che li controllassero. Bimbe timide, ragazzini con la maglia del Napoli ed enormi brillantini all’orecchio, bambine con le trecce, bambini con gli occhiali. Tutti che volevano provare e quando avevano capito un meccanismo o un concetto chiamavano gli amichetti e tentavano di spiegarlo anche a loro, come se avessero appena compreso il segreto dietro una magia. Molti ci mostravano fieri il loro Passaporto scientifico pieno di timbri: “ho completato tutti e tre i percorsi e ho sbagliato una sola domanda!”. Bambini che chiedevano il permesso prima di salire sulla pedana rotante, pezzo forte delle nostre dimostrazioni, e quando poi dovevano girare la ruota, altro pezzo forte degli esperimenti che mostravamo, lo facevano insultandola in un gergo che capivo a stento, sperando che così andasse più veloce.

Quando è arrivato il momento di sbaraccare non volevano più andar via: “ci siete anche sabato prossimo?”, hanno chiesto speranzosi. Alcuni, piccoli scienziati in erba, erano intenti a inventare nuovi esperimenti mettendo insieme le cose che avevamo spiegato loro. Prima di andar via ci hanno restituito tutti i palloni, le palline, le corde.

Sono qui a raccontare di questa giornata appena trascorsa e ho gli occhi un po’ lucidi, perché più che in ogni altra occasione i bambini incontrati oggi mi hanno emozionato, e credo di ricordare quasi tutte le loro facce e i nomi di tutti quelli a cui l’abbiamo chiesto. Se oggi abbiamo dato qualcosa a questi bambini non è niente in confronto all’entusiasmo che loro hanno dato a me: ho abbattuto un pregiudizio.

Ps. #GoPONYSGo!

Domani a Comunicare Fisica

Dall’8 al 10 Ottobre, presso la Città della Scienza di Napoli, si terrà una Conferenza-Workshop nazionale sulle tematiche e sulle metodologie della comunicazione della fisica e delle altre scienze.
L’evento è organizzato dall’INFN insieme alla Città della Scienza di Napoli.

Data la mia passione per la divulgazione non potevo certo lasciarmi sfuggire l’appuntamento!

L’amico e collega di Scientificast Andrea Bersani avrebbe dovuto presentare un talk dal titolo: “Rigore scientifico e appeal per il pubblico nei post di Scientificast“. Purtroppo però, per motivi di lavoro non potrà venire (sob :'() e perciò dovrò sostituirlo io.
Il buon Andre, domani, avrà una voce femminile! 😀

L’idea alla base del talk è di condividere l’esperienza maturata sul campo con il blog di Scientificast nella comunicazione della fisica e quindi illustrare innanzitutto quali sono i principi su cui ci basiamo e il modo  il cui lavoriamo, per poi passare in rassegna alcuni  articoli valutandone i punti di forza e i punti deboli.

Spero il pubblico trovi il talk interessante, altrimenti… dirò di lamentarsi con l’assente Andre!!

 

Welcome back home! – ovvero: PhD-Trottola-Time

Ciao a tutti! Sono tornata!

Sono secoli che non scrivo su questo blog, e di questo vi chiedo perdono! Potrei scusarmi dicendo che sono stata un po’ impegnata con gli ultimi esami, la laurea, i concorsi di dottorato, il trasferimento in una nuova città, l’inizio del dottorato a Napoli… e quel po’ di forze che mi rimanevano le ho dedicate a progetti molto più grandi come quello di Scientificast, nato come podcast (il preferito dal popolo del web, come testimonia la vittoria dei MIA Awards!), cresciuto come blog e diventato anche Associazione culturale! E’ stato un periodo intenso e allo stesso tempo pieno di soddisfazioni ..

Recentemente, però, mi è tornata una gran voglia di riprendere a scrivere su questo blog, di raccontarvi della mia vita di dottoranda.
Ecco, sento già nella testa l’eco dei lamenti dei miei amici che leggendo quest’ultima frase esclamano: “CHEPPPALLLEEEEE..” e magari hanno pure ragione. La vita di una dottoranda può essere monotona e ripetitiva. Ma gli ultimi due mesi sono stati tutto tranne che questo, tant’è che più che “dottoranda” mi sarei definita “trottola”.

Ho sempre dichiarato fermamente che, data la mia passione per i viaggi, mi sarebbe piaciuto fare un lavoro che mi consentisse di viaggiare tanto.. Eccomi accontentata!
Questa è la prima volta, da fine luglio, che dormo nel mio letto per 7 giorni di fila…

Il 31 luglio, infatti, ho salutato il laboratorio per tornare a casa e godermi una settimana di vacanze. Siccome però era l’unica settimana a mia disposizione in quei giorni ho fatto: Bari – Maglie (LE) – Roseto Capo Spulico (CS) – Bari. Disfa il borsone con telo mare e costume, prepara il valigione con giacca a vento e maglioni e si vola verso Edimburgo (con scalo di una notte a Roma), destinazione finale St. Andrews, piovosa piccola cittadina della Scozia in cui il principe William ha conosciuto la sua Kate, e dove proprio nelle due settimane centrali di agosto (SGRUNT!) era stata organizzata una Summer School sui Neutrini. Così per due settimane sono stata costretta a seguire corsi dalla mattina alla sera, con la sciarpa di lana addosso, mentre su fb pubblicavate le vostre belle foto delle grigliate in spiaggia (no, non vi volevo bene in quei momenti!). In compenso ho scoperto che i ragazzi in kilt sono veramente sexy.

2014-08-10 16.26.20     551

Finita la scuola sono rientrata a Napoli, il giorno dopo ho fatto un salto a Bari per depositare valigione da 24kg con i maglioni e prendere la valigia dimensioni Ryanair in previsione dei viaggi successivi. Un salutino in Calabria alle cuginette prima che ripartissero e poi di nuovo a Napoli. E’ l’ultima settimana di Agosto e quasi tutti i miei colleghi sono già tornati a lavoro.valigia-di-cartone

1 Settembre: si parte alla volta di Capri (“finalmente una meta estiva! Finalmente sole e mare!”, speravo), per il Meeting di Collaborazione dell’esperimento in cui lavoro. Previsioni del tempo: grandine, temporale, diluvio universale. Arriviamo a Capri sotto una pioggerellina leggera, l’ideale per scaricare computer fissi e attrezzature varie e trascinarle a piedi per le viuzze in salita di Anacapri! Per fortuna per il resto della settimana il tempo è stato quasi sempre bello, consentendoci qualche bagno tra una sessione e l’altra del meeting.

2014-09-02 09.32.44

Non faccio in tempo a tornare a Napoli, il sabato pomeriggio, e a rifare la valigia che la domenica all’alba devo già ripartire. Destinazione: La Morra, provincia di Cuneo. Un viaggio lunghissimo per arrivare nelle terre del Barolo, dove ho deciso di seguire una scuola sulla comunicazione della scienza. E’ un’altra settimana intensissima, ma felice. Relatori che mi riempiono la testa di spunti, idee ed entusiasmo, compagni di classe simpaticissimi che provengono da realtà tanto diverse. La voglia di cambiare il mondo della divulgazione.

2014-09-09 14.32.14   2014-09-08 12.50.55
Il venerdì riparto un po’ a malincuore. Rientro a Bari per il weekend, il lunedì rieccomi a Napoli.

Seguono giorni intensissimi di lavoro perché il lunedì successivo è già ora di ripartire alla volta di Ginevra, di cui però non vedo nulla. La nostra meta è infatti il CERN e da lì non usciremo mai. Arrivare per la prima volta al CERN per un fisico è una grande emozione, anche se dal finestrino dell’auto non si vede niente di che, ma senti il cuore che batte e sei lì col naso schiacciato sul finestrino come se ti stessero portando nel paese dei balocchi. Ovunque ti volti vedi giovani di nazionalità diverse che fanno gruppetto e chiacchierano generalmente di fisica. Dopo mezza giornata ti sembra tutto piuttosto normale.
Nei giorni passati al CERN ho visto solo: il piccolo ufficio di OPERA dove abbiamo lavorato giorno e notte, la mensa tre volte al dì, la stanza dell’ostello (poco, mediamente 5 ore a notte), un capannone adibito a sala conferenze.

2014-09-23 09.57.51    2014-09-22 23.53.07

Giovedì, nel tardo pomeriggio, io e Annarita, l’altra dottoranda del gruppo, con la quale ho condiviso tutti i viaggi precedentemente descritti tranne uno, siamo ripartite perché il giorno dopo all’ora di pranzo dovevamo essere a Pisa, per il 100° Congresso Nazionale della SIF (Società di Fisica Italiana). Perciò: treno per Milano, arrivo a Milano alle 22.30, notte in un hotel accanto alla stazione e di nuovo treno da Milano a Pisa alle 8 della mattina seguente. La stanchezza, una volta giunte a Milano, iniziava a farsi sentire, come quando, entrata nell’hotel, ho detto al receptionist: “Buonasera, abbiamo una presentazion… ehm prenotazione”…

Pisa è un sacco bella. Nel pomeriggio abbiamo tenuto i nostri brevi talk di fronte a una platea di ben 13 persone, dopo di che siamo corse a vedere la torre pendente, finalmente libere, con la certezza di essere sopravvissute al tour de force. Infine, visto che non ero affatto stanca, prima di rientrare a Napoli ho pensato di fare un giro a Firenze.

2014-09-26 22.59.39

Sono passati 7 giorni dal mio rientro stabile a Napoli, e ancora quando la mattina suona la sveglia ci metto un po’ a far mente locale su dove mi trovo.  Ma siamo gggiovini… se non ci lamentiamo adesso …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: