Collage non superstiziosi

(foto di Elena Pingitore)

Grandissimo il successo della Giornata Anti-Superstizione di ieri!

Cos’è la Giornata Anti-Superstizione? Leggete il post precedente per scoprirlo o ascoltate la nostra Anna Rita Longo su RadioPnB.

L’album su facebook si è arricchito di ben 43 contributi che ci sono stati inviati durante il corso della giornata. C’è chi si è fotografato sotto la classica scala o con l’ombrello aperto al chiuso, chi ha versato sale e incrociato le posate a tavola, chi ha mostrato con orgoglio il proprio gatto nero. Non sono mancati neanche specchi rotti, calzini viola e cappelli sul letto.

Festa di Davide Di Mauro

Tra i più originali: un tatuaggio con un 17 e un cuore stilizzati, simbolo d’amore di una coppia di fidanzati che proprio ieri hanno festeggiato 2 anni e 7 mesi insieme; diversi “17” scritti sulla prima pagina delle dispense di Meccanica Analitica, fiduciosi che quel “17non sarà il numero di volte che si rifarà l’esame prima di essere promossi; un biglietto della lotteria n°17; la “testa-trofeo”[1] di un bel cagnolone nero (perché solo i gatti neri portano sfortuna e i cani neri no?) e due compleanni (di Davide e Giancarlo) gloriosamente festeggiati nonostante l’infame giorno.

Minerva fotografata da Aurora Ciccarese

Della serie “non si finisce mai di imparare”, ci è stata inviata anche una foto che ritrae una superstizione scozzese, che, personalmente, non conoscevo. Pare infatti che in SCOZIA sbadigliare a bocca aperta, senza coprirla, porti sfortuna perchè sarebbe un invito ai demoni ad entrarvi.

Ma il primo premio come meno superstizioso (o più furbo) dell’anno va, secondo me, alla sala giochi “JACKPOT Videolottery”, che è stato inaugurata a Bari proprio di venerdì 17, e nella pubblicità non si lasciava spazio a equivoci: “Inaugurazione VENERDI’ 17 GIUGNO”!! Una astuta mossa di marketing o disprezzo per le superstizioni??? Chissà quanta gente è andata a tentare la fortuna!

Sul sito del CICAP PUGLIA, a questa pagina, trovate i collage con tutte le foto di questa Giornata Anti-Superstizione e i nomi di tutti i partecipanti, che ringraziamo di cuore per aver condiviso con noi le loro foto.

La cosa che mi ha fatto più piacere è stato sapere che i partecipanti si erano divertiti nel cogliere la nostra sfida e avevano trovato molto carina la nostra iniziativa:

Dato che vicino alla mia città non c’è nessuna manifestazione per questa bella giornata, la vostra inziativa è stata una manna dal cielo. Spero che riuscirete a vedere le mie foto e che vi piacciano, io mi sono divertita molto a scattarle!

ci scrive Elena via email, e Nadiolina, su Facebook, commenta:

Mi sono divertita, in barba alla sfiga!

E anche noi ci siamo molto divertiti, in barba alla sfiga!!

[1] Nessun cane è stato maltrattato per realizzare la fotografia!

"Ma chi ha detto che solo i gatti neri portano sfortuna? Guardate che fine ho fatto io!". Foto di Giovanni Anselmi

Giornata Anti-superstizione 2011

Buon Venerdì 17 a tutti!

Pronti a incominciare una giornata all’insegna delle sfide?

Anche quest’anno, infatti, torna la Giornata Anti-superstizione del CICAP in varie città d’Italia.
La Giornata Anti-Superstizione parte dall’idea che essere superstiziosi… porta male! Ed è proprio per combattere la superstizione, che fin dal 2009 il CICAP propone, non a caso sempre in occasione di un venerdì 17, una “Giornata anti-superstizione”. In alcune città, tra cui Roma, Brescia, Pisa, Torino, Gorizia, Vicenza, i gruppi locali del Comitato organizzeranno eventi di vario tipo: incontri, conferenze, dibattiti ma anche dimostrazioni all’aperto, happy hour, grigliate e cene. Trovate qui ulteriori dettagli: http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=274509.

In Puglia, dopo il successo della cena antisuperstizione dell’anno scorso (qui le foto e qui un resoconto), quest’anno abbiamo optato per un evento online, che permetta a tutta la Puglia (e non solo) di partecipare.

Abbiamo quindi deciso di invitare tutti i simpatizzanti a pubblicare sulla nostra pagina Facebook (http://www.facebook.com/cicap.puglia) o inviarci via email all’indirizzo puglia@cicap.org una foto o un video nel quale compiono un gesto vietato dalle più comuni superstizioni (aprire un ombrello in casa, passare sotto una scala, accarezzare un gatto nero, versare del sale, incrociare le posate a tavola etc) o a spiegare in poche righe quale superstizione hanno deciso di sfidare in occasione della Giornata Anti-Superstizione.


Un collage con le foto e le frasi più divertenti sarà poi pubblicato sul sito del CICAP Puglia.

Sperando che l’idea vi piaccia, aspettiamo i vostri contributi e vi invitiamo ad estendere l’invito a tutti i vostri amici!

II Assemblea dei soci @ Novi Ligure: sera d’arrivo

15 Ottobre 2010: Aereo fino a Genova, autobus dall’aeroporto alla stazione, treno da Genova a Novi e infine breve camminata fino a raggiungere la pizzeria dove, pian piano, cicappini da tutta Italia si stanno radunando. Non sono neanche in ritardo!

La lunga tavolata si riempie velocemente, tra baci, abbracci e sorrisi che non lasciano dubbi sulla contentezza di ognuno nel rivedere gli altri.

Tra una pizza e l’altra, con una farinata in mezzo che colui che tutto mangia non ha ancora deciso se abbia un sapore “delicato” o piuttosto “disgustoso”, il tempo passa in fretta, (senza contare la pizza alla Nutella e panna!) e la Conferenza di Stefano “Mai dire Maya”, sulle balle del 2012, doveva inziare già da un pezzo! Andiamo di corsa alla Biblioteca, dove si terrà la conferenza.

La conferenza è interessante, anche se l’ho già ascoltata quando Stefano è venuto a bari.

Terminata la conferenza, gli occhi stanchi dei viaggiatori si riprendono non appena inizia a circolare l’idea di andare a bere una birra tutti insieme: improvvisamente siamo di nuovo pieni di energie! Le poche voci di dissenso “ma è tardi, andiamo a dormire che siamo stanchi..” vengono messe rapidamente a tacere con il categorico: “non si dorme ai convegni e alle assemblee CICAP!”.
Inizia dunque la difficilissima ricerca di un locale che abbia sufficienti posti a disposizione. Giriamo per le strade e ci conviciamo ben presto che a Novi non sembra esserci movida notturna…E’ venerdì sera ma le strade sono piuttosto deserte.

Entriamo in un baretto dai divani leopardati e strani tappeti. E’ vuoto, ma nonostante ciò basta un rapido conto per capire che non riusciremmo mai a sederci tutti: è troppo piccolo. Decidiamo di uscire dall’altra porta, facendo una bizzarra processione davanti alla barista che vede una ventina di persone entrare da una porta e uscire dall’altra!

Decidiamo allora di provare alla gasthaus, una birreria che dovrebbe essere più grande. Degne di nota sarebbero anche le manovre in macchina e i giri e rigiri che la macchina in testa, con Daniel alla guida e Marino a fare da tom-tom, ha fatto intorno alle rotatorie, con manovre semi-proibite, mentre tutte le altre macchine seguivano a ruota, un po’ dubbiose, senza capire dove stessimo andando, ma non credo che a parole riuscirei a spiegarvi le risate.

Arriviamo dunque alla gasthaus, una birreria davvero grande, ma anche tremendamente piena di gente e chiediamo se c’è posto per 17, anzi 15 perché intanto il gruppo s’è ridotto. Il posto c’è, un po’ risicato, ma tanto ci stringiamo. Ed eccoci in una saletta piccina piccina, tutta per noi, grande appena per contenere un tavolo da 10. “Va benissimo, non si preoccupi!”. Ci arrangiamo come possiamo: qualcuno si siede sul tavolo, qualcun altro su una botte di birra, “io mi siedo in braccio a te”, “aspetta ecco una sedia in più” ed eccoci tutti seduti. Ma… il tavolo è proprio davanti alla porta dell’unico bagno della birreria e disposti come siamo blocchiamo completamente l’entrata!!

(notare la porta del bagno alle nostre spalle!)

Ecco che arriva il primo che deve andare in bagno: “è guasto!”, gli facciamo scherzando non appena si accorge dell’impossibilità di raggiungere la porta. Il tizio ci crede e se ne va, mentre invano cerchiamo di richiamarlo per dirgli che non è vero. Quando arriva il secondo, un po’ in colpa per prima, ci alziamo e lo facciamo passare. La processione per il bagno sarà più o meno continua e chi c’era potrebbe anche trovare divertente ricordare tutti gli strani personaggi che Michele ha preso in giro all’entrata e all’uscita dal bagno, ma temo che gli assenti potrebbero annoiarsi e non trovare interessante tale capitolo della serata. Vi dico solo che se non ci hanno picchiato è stato davvero un miracolo, soprattutto quando Michele, all’arrivo di un omaccione muscoloso con baffi neri da camionista e tatuaggi ha esclamato “fatelo passare questo, che è cattivo!”

Nonostante le un po’ troppe coca-cola sul tavolo, ci riconfermiamo ottimi bevitori di birra, ma dopo tante risate la stanchezza si fa proprio sentire e decidiamo di andare in hotel. Facile a dirsi!

Il gruppo che alloggia (al) “Da Noi” si trova infatti un po’ spaesato quando il tom-tom annuncia che siamo arrivati a destinazione ma intorno è tutto buio e dell’albergo non c’è più traccia! Dopo un paio di giri riusciamo a scorgerlo nell’oscurità: è completamente buio, senza neanche una lucina o un’insegna illuminata. Ci hanno dato le chiavi dell’hotel perché la notte non c’è nessuno ad accoglierci. Entriamo e le risate esplodono fragorose quando ci troviamo davanti due enormi tigri (di peluche!), un puma e tanti elefanti. Come bambini iniziamo a giocare, incuranti del chiasso che stiamo facendo.

E’ tardissimo quando andiamo in camera, ma ci vorrà ancora tempo prima di chiudere gli occhi. Io sono in stanza con Paola e Laura e si sa, tre donne nella stessa stanza non possono fare a meno di chiacchierare per almeno un’oretta, anche se stanche! E poi non può mancare una visitina su facebook prima di andare a letto, per comunicare a tutti che siamo a Novi per l’assemblea del CICAP che inzierà domattina presto e siamo ancora svegli. Spente le luci Paola mette alla prova la nostra capacità di concentrazione raccontandoci le sue avventure con un gioco online, ma io e Laura dopo poco non riusciamo già più a distinguere tra il gioco e la realtà!

Ho paura di guardare l’orologio e scoprire che tra poche ore dovrò già svegliarmi, ma la sveglia suonerà impietosa, perciò alla fine ci facciamo accogliere dalle tenere braccia di Morfeo.. (cioè ci addormentiamo!)

 

(continua…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: